Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti fa una visita senza preavviso in Afghanistan

Da Zee.Wiki (IT).

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti fa una visita senza preavviso in Afghanistan[modifica]

Ex presidente afgano: le truppe americane don
  • Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Patrick Shanahan, è sbarcato in Afghanistan per una visita senza preavviso lunedì tra le crescenti incertezze sul futuro della più lunga guerra americana nella storia.
  • Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha pubblicamente messo in discussione i benefici di una presenza militare continua in Afghanistan e ha ordinato ai militari di ritirarsi dalla Siria a dicembre.
  • Un funzionario della difesa ha detto alla CNN che Trump allo stesso tempo ha anche deciso di ritirare circa la metà dei 14.000 soldati schierati in Afghanistan.
  • Shanahan ha detto dal suo aereo che non aveva l'ordine di "dimettersi dalle nostre forze in Afghanistan", ma è stato incaricato di sostenere i colloqui di pace in corso tra Washington e i talebani.
  • Questi colloqui hanno fornito un barlume di speranza per la fine della guerra.
  • Zalmay Khalilzad, l'inviato speciale degli Stati Uniti che si occupa del processo di pace afghano, ha dichiarato il mese scorso che le due parti hanno concordato il quadro di un accordo, ma molto deve essere "concretizzato prima che diventi un accordo".
  • Il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha detto che i colloqui con gli Stati Uniti hanno "visto progressi" su questioni vitali. Tuttavia ha aggiunto che "fino a quando non sarà concordato il problema del ritiro delle forze straniere dall'Afghanistan, i progressi in altre questioni sono impossibili".
  • Molti consiglieri militari e alleati del Congresso di Trump hanno consigliato al presidente di ridurre le truppe in Afghanistan. I membri dell'istituzione della difesa erano fortemente critici nei confronti della sua decisione di uscire dalla Siria.
  • Il predecessore di Shanahan, Jim Mattis, si è dimesso in segno di protesta. Così ha fatto Brett McGurk, l'inviato americano della coalizione per combattere l'ISIS.

Discussioni[modifica]

Puntano qui[modifica]

Riferimenti[modifica]