Kamala Harris ha sostenuto la politica di San Francisco del 2008 che riportava arresti di minori privi di documenti all'ICE

Da Zee.Wiki (IT).

Kamala Harris ha sostenuto la politica di San Francisco del 2008 che riportava arresti di minori privi di documenti all'ICE[modifica]

Harris fa domande su di lei
  • Come procuratore distrettuale di San Francisco, Kamala Harris ha sostenuto una politica della città che richiedeva alle forze dell'ordine di consegnare immigrati non documentati agli immigrati federali se fossero stati arrestati e sospettati di aver commesso un crimine, indipendentemente dal fatto che fossero stati effettivamente condannati per un crimine.
  • Harris, che è stato procuratore distrettuale di San Francisco dal 2004 al 2011, si è schierato con l'allora sindaco Gavin Newsom in una battaglia politica sullo stato di San Francisco come città-santuario che ha diviso il governo municipale della città, con l'ufficio del sindaco a sostegno della politica e l'elezione della città Consiglio delle autorità di vigilanza che si oppone.
  • La posizione passata di Harris potrebbe aprirla agli attacchi degli attivisti dell'immigrazione e all'ala più progressista del partito mentre cerca la nomina democratica nel 2020. La lotta per la politica di San Francisco è stata ampiamente esaminata in quel momento, ma il ruolo di Harris non è stato esaminato da vicino poiché è entrata sotto i riflettori nazionali. KFile ha esplorato la sua posizione durante una revisione del suo curriculum sull'immigrazione.
  • In una dichiarazione alla CNN, il portavoce della campagna di Harris Ian Sams ha dichiarato che "la politica era intesa a proteggere lo status di santuario di San Francisco e ad assicurare che la polizia locale, che aveva bisogno di avere solide relazioni con le comunità che servivano indipendentemente dallo status di immigrazione, non fosse costretto a operare come agenti di immigrazione, che è responsabilità del governo federale. Guardando indietro, questa politica avrebbe potuto essere applicata più equamente ".
  • Da quando ha vinto l'elezione al Senato degli Stati Uniti nel 2016, Harris si è affermata come difensore degli immigrati senza documenti spingendo duramente per un accordo per proteggere dalla deportazione coloro che sono venuti nel paese da bambini, un gruppo noto come Dreamers. Ha anche chiesto il riesame del ruolo dell'immigrazione e delle dogane statunitensi.
  • Tuttavia, la sua posizione passata potrebbe rivelarsi vulnerabile in una primaria democratica sempre più affollata dove i candidati sono stati molto critici nei confronti delle politiche del presidente Donald Trump sull'immigrazione e l'abolizione dell'ICE è diventata una posizione popolare tra la base del partito.
  • Nel 2008 era in discussione la politica di Newsom di denunciare immigrati clandestini minorenni arrestati dalla polizia locale all'ICE. Come procuratore distrettuale di San Francisco, Harris era responsabile della persecuzione dei crimini in città.
  • San Francisco è stata una città di santuari dal 1989, il che significa che la polizia non era obbligata a fornire informazioni alle autorità federali per l'immigrazione sulle interazioni con i residenti privi di documenti della città. La politica della città è stata modificata nel 1992 per rimuovere le protezioni per i sospetti criminali adulti, ma la protezione è rimasta per i minori arrestati.
Harris fa domande su di lei
  • Questa politica è stata sottoposta a controllo nel 2008, quando un uomo di 21 anni senza documenti di nome Edwin Ramos è stato arrestato per l'omicidio di tre membri di una famiglia di San Francisco.
  • Dopo che la cronaca degli omicidi di Ramos - e dei suoi precedenti documenti di arresto - fu riportata dal San Francisco Chronicle, Newsom annunciò un cambiamento nella politica della città in modo che la polizia avrebbe iniziato a denunciare ai minori arrestati senza documenti l'ICE, indipendentemente dal fatto che fossero stati trovato colpevole in tribunale di qualsiasi crimine. Ramos era stato precedentemente arrestato da giovane a 17 anni e dichiarato colpevole di tentata rapina e aggressione, ma non è mai stato denunciato alle autorità federali per l'immigrazione.
  • Fino a questo punto nel suo mandato, Harris aveva stabilito un record come sostenitore dei diritti degli immigrati mentre procuratore distrettuale: sosteneva l'emissione di visti specializzati per le vittime senza documenti di crimini violenti, perseguitato un appaltatore senza licenza in un caso di sfruttamento del lavoro per il furto di immigrati, e ha denunciato la proposta di una legge federale che avrebbe criminalizzato l'assistenza agli immigrati privi di documenti. Il suo ufficio ha rilasciato una dichiarazione: "Siamo una città santuario, una città di rifugio, e lo saremo sempre".
  • Ancora, Harris ha sostenuto il cambiamento di politica di Newsom e ha rilasciato una dichiarazione secondo cui la legge del santuario originale "non è stata intesa a proteggere nessuno da essere ritenuta responsabile di un crimine." Ha lo scopo di incoraggiare vittime e testimoni di immigrati a denunciare crimini senza timore di rappresaglie criminali responsabili. "
  • "Mentre i minori detenuti sono sotto la custodia e il controllo dell'ufficio per la libertà minorile e il tribunale, ogni agenzia cittadina ha bisogno di lavorare insieme per bilanciare i nostri obblighi ai sensi della legge federale e dell'ordinanza del santuario per risolvere i crimini e mettere i colpevoli dietro le sbarre".
  • Entro il 2009, la nuova politica era in vigore da un anno. Il New York Times ha riferito che oltre 100 sospetti minorenni sono stati denunciati alla custodia federale per la deportazione.
  • Più giovani hanno subito deportazione per reati relativamente minori: in un caso riportato dal Times, un quattordicenne che era stato negli Stati Uniti da quando aveva 2 anni è stato consegnato all'ICE dopo aver portato a scuola una pistola BB per mettersi in mostra agli amici. In un altro caso, un tredicenne e la sua famiglia hanno dovuto subire una deportazione dopo che ha colpito un altro ragazzo a scuola e ha rubato 46 centesimi.
  • Il Consiglio dei Supervisori della città ha approvato una legislazione che consente ai giovani di essere segnalati alle autorità federali per l'immigrazione solo in caso di condanna per reato. Dopo che Newsom ha posto il veto alla legge, il Consiglio ha avuto voti sufficienti per scavalcare il suo veto e ha approvato la legge senza la sua firma. Nonostante ciò, Newsom ha rifiutato di seguire la legislazione e ha ordinato alla città di continuare a denunciare i sospettati di minori non documentati all'ICE.
  • Durante la lotta tra Newsom e il consiglio delle autorità di vigilanza, Harris ha sostenuto pubblicamente Newsom e si è opposto alla legislazione del Consiglio. Ha sostenuto la sua posizione dicendo che riteneva che l'ordinanza sarebbe stata in violazione della legge federale e sarebbe stata abbattuta in tribunale. L'ufficio del procuratore della città di San Francisco ha detto alla CNN questo mese che l'ordinanza non è mai stata impugnata in tribunale.
  • In un discorso alla Stanford University nel 2009, Harris ha spiegato la sua posizione, dicendo: "C'è stata poi un'iniziativa che è stata scritta dal consiglio dei supervisori che è stata approvata e c'era opposizione a quella, ma è passata", ha detto Harris. "E quindi dovremo aspettare per vedere come i tribunali interpretano cosa significa. Dal mio punto di vista, penso che sarebbe in conflitto con la legge federale, e dobbiamo seguire la legge. Dobbiamo seguire quella legge Potresti non essere d'accordo, ma sai, è per questo che abbiamo un processo in cui puoi sfidare le leggi ed è la legge ".
  • La figura principale che si opponeva a Newsom e Harris era David Campos, un ex membro del Consiglio dei supervisori che introdusse e approvò la legislazione per proteggere i minori privi di documenti dalla deportazione.
  • In una recente intervista con la CNN, Campos ha discusso della lotta politica e della sua delusione per la posizione di Harris, e ha detto che i due sono amici che si sono sostenuti presto nelle loro carriere politiche, ma non sono d'accordo sulla questione.
  • "Ho cercato di contattarla su questo argomento e non ho mai avuto una risposta da lei", ha detto Campos.
  • "E in realtà quando lasciò l'ufficio del procuratore distrettuale, una cosa che accadde fu che ci fu più apertura a discutere del problema con il nuovo DA, quando George Cascoe divenne il procuratore distrettuale dopo la partenza di Kamala. Fu dopo il sindaco Newsom e dopo Kamala Harris lasciato che quel problema si risolva potenzialmente ".
  • Dopo che la Newsom ha lasciato l'ufficio nel 2011, il suo successore ha cambiato di nuovo la politica della città in modo che le forze dell'ordine segnalino solo immigrati non documentati che sono stati arrestati all'ICE se non hanno potuto dimostrare legami familiari con la Bay Area, causando un brusco calo dei rapporti. Nel 2013, San Francisco ha approvato un'altra ordinanza che proibiva di denunciare qualsiasi persona arrestata all'ICE, tranne in circostanze limitate.
  • Newsom è stata attaccata sia da sinistra che da destra per la sua posizione durante la sua corsa di successo per il governatore della California nel 2018. Alla fine ha ammesso che la politica avrebbe potuto essere gestita in modo diverso.
  • "Erano persone accusate ... ma non condannate, alcune persone sono state infine esonerate e sono state coinvolte", ha detto a The Sacramento Bee l'anno scorso. "Dirò solo questo ai miei critici: un gioco equo Guardando indietro, c'erano cose che avremmo potuto fare diversamente, sono molto onesto."
  • Sams, portavoce della campagna Harris, ha invocato la risposta di Newsom in una dichiarazione alla CNN, dicendo: "Come ha detto il Governatore Newsom l'anno scorso, la sua politica era intesa a proteggere lo status di santuario di San Francisco e ad assicurare la polizia locale, che aveva bisogno di avere un forte i rapporti con le comunità che servono a prescindere dallo stato di immigrazione, non sono stati forzati ad operare come agenti dell'immigrazione, che è responsabilità del governo federale. Guardando indietro, questa politica avrebbe potuto essere applicata più equamente, come ha affermato anche il governatore ".
  • Il portavoce ha continuato: "Il senatore Harris è sempre stato un sostenitore dell'impegno di San Francisco a proteggere le persone prive di documenti e mantenere le comunità al sicuro, motivo per cui come DA ha represso la tratta che prede agli immigranti privi di documenti, perseguitato individui che truffano o sfruttano immigrati privi di documenti, e spinto per i visti di protezione temporanea per le vittime di reato ".

Discussioni[modifica]

Puntano qui[modifica]

Riferimenti[modifica]