Kendrick Lamar, Drake e Childish Gambino hanno riferito di aver rifiutato i Grammy

Da Zee.Wiki (IT).

Kendrick Lamar, Drake e Childish Gambino hanno riferito di aver rifiutato i Grammy[modifica]

Il 2018 è stato un grande anno per Kendrick Lamar_00003305.jpg
  • I due artisti che hanno ricevuto più nomination ai Grammy quest'anno hanno rifiutato di esibirsi allo show.
  • Questo è secondo Ken Ehrlich, il produttore di lunga data dello spettacolo.
  • Ehrlich ha dichiarato al The New York Times che ha offerto ai rapper Drake, Lamar e Childish Gambino possibili esibizioni in occasione dello show di domenica sera e che è stato respinto.
  • Grammys 2019: ecco tutto ciò che devi sapere
  • "Il punto è che continuiamo ad avere un problema nel mondo dell'hip-hop", ha detto Ehrlich al giornale. "Quando non portano a casa il grande premio, il rispetto dell'accademia e quello che i Grammy rappresentano, continua ad essere meno significativo per la comunità hip-hop, che è triste".
  • Anche i Grammy hanno un problema di razza?
  • La CNN ha contattato i tre rapper per un commento.
  • Lamar è in testa quest'anno con otto nomination, seguito da Drake che ne ha sette. Gambino infantile ha cinque nomination.
  • La Recording Academy si è sforzata di diversificare la sua appartenenza, lamentando il fatto che i Grammy non sono nemmeno un campo di gioco per le minoranze e le artiste.
  • Nel 2017, il presidente della Recording Academy Neil Portnow ha dichiarato in un'intervista a Pitchfork che non pensava che ci fosse un problema di razza.
  • Il capo dei Grammy: non esiste un "problema di razza"
  • "Noi non, come musicisti, a mio modesto parere, ascoltiamo la musica in base al genere o alla razza o all'etnia", ha detto poi Portnow. "Quando vai a votare su un brano musicale, almeno nel modo in cui mi avvicino, stai quasi mettendo una benda sugli occhi e ascolti."
  • La CNN ha contattato la Recording Academy per ulteriori commenti.
  • Il 61 ° Grammy Awards andrà in onda alle 8 pm ET Sunday su CBS.

Discussioni[modifica]

Puntano qui[modifica]

Riferimenti[modifica]