Mentre una moglie ISIS riflette sul suo destino, l'Europa lotta per affrontare i seguaci del gruppo

Da Zee.Wiki (IT).

Mentre una moglie ISIS riflette sul suo destino, l'Europa lotta per affrontare i seguaci del gruppo[modifica]

Lemke, ora 19, ha avuto due figli da quando si è unito all'ISIS.
  • Lenora Lemke siede in una macchina piena di tutte le sue cose, protetta dal sole del deserto da un grande tappeto che pende sul tetto. I tiri di 19 anni all'hijab che incornicia il suo viso pallido e cerca di ricordare l'ultima volta che si è fatta la doccia. Si rende conto che sono passati esattamente 20 giorni da quando si è asciugata dopo aver dato alla luce il suo nuovo bambino, Maria.
  • "Dopo la mia nascita, ho fatto l'acqua calda e stavo pulendo laggiù", dice abbassando lo sguardo imbarazzata. La sua altra figlia, Habiba, 16 mesi, con ciuffi di capelli biondi, si contorce in grembo.
  • Quando viene richiesto, Lemke produce un passaporto bordeaux con l'aquila federale tedesca in oro sulla copertina, certo nella sua mente che sarà in grado di riportare presto i suoi figli in Germania.
  • "Spero tanto che ora abbiano un buon futuro, spero tanto, soprattutto per lei", dice della neonata Maria. "Non ha mai avuto una vera casa, niente giocattoli, niente cibo, niente latte, voglio darle questo, spero che diventerà così, abbia una vita normale per bambini, felice, senza bombe".
Lemke, ora 19, ha avuto due figli da quando si è unito all'ISIS.
  • Lemke è una delle migliaia di membri dell'ISIS sotto la custodia delle forze di difesa siriane sostenute dagli Stati Uniti, centinaia di loro ritenuti provenienti da paesi europei. Ma mentre gli Stati Uniti si preparano a ritirare le truppe, non è chiaro se l'SDF abbia la capacità di tenerli in custodia o sarà costretto a rilasciarli.
  • Un nuovo rapporto del Pentagono dice che il governo degli Stati Uniti sta incoraggiando altri paesi ad accelerare gli sforzi per rimpatriare i combattenti stranieri dell'ISIS nei loro paesi d'origine per l'accusa. Tuttavia, i progressi sono stati difficili a causa delle preoccupazioni politiche e delle sfide legate alla raccolta di prove legali per sostenere i procedimenti penali una volta che sono tornati.
Le forze sostenute dagli Stati Uniti affrontano una feroce resistenza da parte dell'ISIS
  • La Germania, come molti paesi europei, è stata riluttante ad accettare i membri dell'ISIS. In effetti, solo una manciata di paesi, come la Russia, l'Indonesia, il Libano e il Sudan, hanno permesso ai seguaci dell'ISIS di tornare. In precedenza, i membri ISIS catturati sono stati trattati secondo la legge irachena, ma l'UE non si fida del sistema giudiziario siriano per fare lo stesso.
  • Nel caso specifico di Lemke e suo marito, Martin Lemke, il ministero degli Esteri tedesco afferma di non avere "scoperte" e che fornire "l'assistenza consolare è ancora praticamente impossibile".
  • "Indipendentemente da ciò, il governo federale sta esaminando le possibili opzioni per consentire ai cittadini tedeschi di lasciare la Siria, specialmente in casi umanitari", ha detto il ministero degli Esteri in una dichiarazione inviata alla CNN. "Assistiamo coscienziosamente 9 cittadini tedeschi in custodia irachena: i loro figli, che sono anche ospitati nel centro di detenzione, possono, se il consenso dei genitori è disponibile, essere portati in Germania per i parenti ricettivi".

Intesa intestine di ISIS[modifica]

  • Lemke aveva solo 15 anni quando scappò di casa in Germania e partì per la Siria. Ha sposato Martin Lemke giorni dopo essere arrivata nel territorio controllato dall'ISIS, stabilendosi con le sue altre mogli nella comunità di combattenti stranieri. Ma quando ISIS si ritirò, molte delle sue famiglie furono lasciate indietro.
  • "Non pensano a cosa faremo quando perdiamo le città?" Lenora ricorda i comandanti dell'ISIS. "Tu pensi: lo Stato Islamico: sono grandi, hanno un sistema che ti aiuterà, ma poi quando verrà il momento, ti metteranno in una moschea per restare lì".
  • Descrive le lotte intestine tra le fazioni dell'ISIS, in particolare tra combattenti stranieri e contingenti siriani e iracheni. Alla fine, dice, le famiglie sono state ridotte a mendicare cibo e acqua.
  • "Quando mangi un pane per due giorni e tuo figlio per un anno non ha potuto camminare perché era così affamata, non ha denti perché non ci sono vitamine, ogni madre non può accettarlo". Dice: "La prima volta, puoi dire: È per amore di Allah. Lo faccio per Allah, per il mio Dio. Ma quando il tuo bambino piange e rotola sulla terra, dici a te stesso: sei pazzo? questo ha a che fare con l'Islam? "
Le donne canadesi emergono dall'ISIS
  • Il marito tedesco di Lemke è sopravvissuto ai combattimenti ed è ora sotto la custodia di SDF. Insiste sul fatto che non ha combattuto per ISIS, ma stava semplicemente gestendo il sistema informatico del gruppo, e che era solo una casalinga.
  • "Io non faccio niente e mio marito non è un combattente, è solo un ragazzo tecnico, gestisce computer portatili, non ha ucciso nessuno", dice, ma ammette che seguire l'ISIS è stato un errore. "Ma noi ne facciamo parte, li sosteniamo, viviamo con loro e quando realizzo: non va bene, vivo qui, ho la mia vita, ma facciamo parte del terrore, dell'uccisione di persone ".
  • Come minimo, sia Martin che Lenora Lemke potrebbero essere accusati in Germania di entrare a far parte di un'organizzazione terroristica, un crimine che potrebbe vedere una pena detentiva tra sei mesi e dieci anni. Secondo il pubblico ministero Klaus Weichmann, Lenora Lemke sarebbe stata trattata come una minorenne da quando è partita per la minoranza in Siria, ma per essere processata, ha bisogno di tornare in Germania.
  • "Non c'è cooperazione di polizia con la Siria, nessuna assistenza legale con la Siria", ha detto alla CNN. "L'indagine può essere ripresa solo quando l'imputato è tornato in Germania, non abbiamo informazioni ufficiali su dove si trovi o quando tornerà in Germania."
La Germania non ha programmi di rimpatrio per bambini come Maria e Habiba appena nati, 16 mesi.
  • Lemke capisce che probabilmente suo marito passerà del tempo in prigione, ma sembra inconsapevole che anche lei sarà probabilmente processata. Di maggiore preoccupazione per lei è ciò che potrebbe accadere ai suoi figli. In alcuni casi, i membri dell'ISIS tedesco condannati nei tribunali iracheni hanno fatto ritornare i loro figli in Germania per vivere con i parenti. Anche se molti altri sono in attesa di essere rimpatriati, il ministero degli Esteri insiste sul fatto che "non esiste un programma di ritorno per i figli dei membri dell'ISIS".
  • La CNN raggiunse la famiglia di Lenora Lemke in Germania. Suo padre ha rifiutato di parlare con noi, ma ha chiesto di ascoltare il messaggio che ha registrato per lui mentre aspettava di essere trasferito in un campo profughi.
  • "Non ha mai rinunciato a me", dice di suo padre. "Ha detto, 'so che è viva e tornerà.' Ci vedranno presto, lo spero. " Guardò la telecamera e aggiunse in tedesco: "Spero di vederti presto, ti amo davvero, spero che presto saremo insieme".
  • Cornelia Liebau, il sindaco della città natale di Lemke, nel centro di Sangerhausen-Breitenbach, dice che la famiglia è sollevata nel sentire che la loro figlia è viva. "Ha solo 19 anni con due bambini piccoli", ha detto in una dichiarazione. "Penso che meriti una seconda possibilità."

Discussioni[modifica]

Puntano qui[modifica]

Riferimenti[modifica]